Pillole di Elettronica del 30 gennaio 2014


Il nuovo sistema wireless CNX Fluke semplifica l’operazione di ricerca dei guasti

CNX 3000Fluke presenta il sistema wireless CNX Fluke, il primo set di strumenti di misura che collega in modalità wireless più moduli di misura e invia le letture simultanee a un dispositivo principale sito fino a 20 metri di distanza, consentendo agli utenti di risolvere i problemi in modo rapido ed efficiente. Il set personalizzabile di strumenti robusti dà la possibilità agli utenti di scegliere vari moduli di misura sulla base della ricerca dei guasti specifica.
Nel cuore del sistema wireless CNX Fluke è presente un multimetro digitale CAT III 1000 V/CAT IV 600 V dotato di uno schermo che visualizza le letture effettuate in tempo reale, rilevate da un massimo di tre moduli di misura differenti. Per le ricerche dei guasti più complesse, gli utenti possono visualizzare le misurazioni in tempo reale rilevate contemporaneamente da un massimo di 10 moduli su un computer dotato di adattatore CNX PC.
I moduli che comprendono l’unità di tensione CA, l’unità di corrente CA, , l’unità di corrente CA iFlex e , l’unità di temperatura di tipo K, sono in grado di acquisire le misurazioni fino a 65.000 set di dati. I dati registrati possono poi essere salvati su un computer in formato .csv.
Il sistema CNX Fluke consente agli utenti di sistemare i moduli in punti pericolosi o scomodi e quindi osservare le letture da una distanza di sicurezza. Ad esempio, un tecnico può diseccitare un pannello, collegare i moduli della tensione o della corrente a tutte e tre le fasi, chiudere ed eccitare nuovamente il pannello, quindi leggere comodamente le misurazioni al di fuori dell’area di effetto dell’arco.
Sfruttando il più comune strumento di misura elettrica, il multimetro, il sistema CNX Fluke consente ai tecnici di ampliare le proprie capacità e competenze esistenti, aiutandoli a soddisfare la domanda di mercato per interventi in tre fasi più complessi, senza necessariamente effettuare di nuovo la formazione su strumenti di misura più complessi.
Descrizione del sistema
Il sistema wireless CNX Fluke è un sistema di ricerca dei guasti dotato di multimetro digitale (DMM) quale dispositivo principale. Il DMM riceve e visualizza fino a tre letture di tensione, amperaggio e/o temperatura da più moduli wireless dislocati in vari punti, distanti fino a 20 metri. I moduli sono di tensione CA, di corrente CA, di corrente CA iFlex e unità di temperatura di tipo K. È inoltre disponibile un adattatore PC per scaricare ed analizzare i dati dal sistema. Nell’ipotesi di ricerche dei guasti più complesse, sistemare un computer completo di adattatore nel raggio di 20 metri dai moduli e visualizzare le letture attive fino a 10 moduli contemporaneamente potrebbe diventare la soluzione vincente .
Per informazioni: www.fluke.com/Fluke/itit/home/default

Siemens installa la sua più recente turbina eolica nel sito di prova di SSE in Regno Unito

SWT 6.0-154Siemens ha installato la sua nuova turbina eolica gearless da 6 MW, pronta per il lancio sul mercato, nel sito di prova dell’utility energetica SSE, la più grande produttrice di energia rinnovabile del Regno Unito. Assieme al proprio committente, Siemens ha pianificato di ultimare le ultime fasi di test sul sito di prova prima di partire con la produzione in serie per il mercato inglese e quello internazionale.
La turbina SWT-6.0-154 con un diametro del rotore di 154 metri è equipaggiata con l’innovativa tecnologia direct drive.
Grazie alla sua posizione geografica vicino alla costa, Hunterston è la località ideale per le attività di test su turbine eoliche offshore: le condizioni di vento circostanti sono molto simili a quelle che gli impianti offshore si trovano ad affrontare nel mare irlandese. Con il completamento degli ultimi test, Siemens è pronta a lanciare Round 3, l’ulteriore fase di ampliamento dell’energia eolica offshore in Regno Unito. Lavorando con l’utility SSE per installare la nuova turbina all’interno del sito di prova, Siemens ha dimostrato il proprio impegno di collaborazione con il proprio committente e l’approccio orientato alla partnership nel lanciare i nuovi prodotti sul mercato. All’inizio di quest’anno, Siemens ha installato due turbine da 6 MW nel parco eolico offshore di Gunfleet Sands gestito da Dong Energy per effettuare il primo test offshore di questa turbina direct drive ultra moderna.
“Siamo orgogliosi di aver installato la nostra nuova turbina eolica da 6 MW a Hunterston,” ha detto Jan Kjaersgaard, CEO della Business Unit Wind Power EMEA di Siemens. “Il Regno Unito sta sostenendo la nostra tecnologia in modo significativo. Questo perché stiamo cercando di collaborare con i fornitori di energia elettrica del paese partendo direttamente dalla fase di sviluppo del prodotto arrivando fino alla messa in servizio. Il nostro obiettivo è dare un contributo visibile all’economia inglese.”
Oltre alla cooperazione stretta con i propri clienti in Regno Unito, Siemens ha anche ampliato la propria presenza in Scozia. Siemens ha aperto un nuovo centro per il supporto del proprio business eolico onshore in UK. Con uno staff permanente di oltre 30 lavoratori a Livingston, vicino Glasgow, Siemens gestisce i progetti onshore in Inghilterra, Scozia e Irlanda, e coordina la costruzione, l’installazione e le operazioni di EHS (Environment, Health and Safety).
Siemens impiega, attualmente nel Regno Unito, circa 1.300 persone nel mercato – in costante crescita – delle rinnovabili.
Siemens si occupa delle attività di service e di manutenzione per 1.900 turbine eoliche – che costituiscono circa la metà della capacità energetica eolica complessiva del Regno Unito – di propria produzione situate in 12 diversi parchi eolici offshore con una capacità totale di 2,5 GW e in oltre 50 impianti onshore che generano, complessivamente, circa 2 GW. Il Regno Unito gioca un ruolo chiave per quanto riguarda il business eolico globale di Siemens: circa l’11% dei lavoratori della Divisione Wind Power nel mondo sono britannici.
L’energia eolica e le attività di service associate fanno parte del portfolio ambientale di Siemens. Circa il 43% del fatturato Siemens proviene da prodotti e soluzioni green che fanno dell’azienda uno dei maggiori fornitori al mondo di tecnologia eco-friendly.
Per informazioni: www.siemens.it

Il tester CEAST AlOxide esegue prove HDT e Vicat fino a 500 °C

BILD_P~21Con una gamma di temperature compresa fra 50°C e 500°C, il nuovo tester per prove termiche Instron CEAST HDT Vicat 500 AlOxide fissa nuovi standard per la determinazione della temperatura di rammollimento VICAT (VST, ISO 306) e di inflessione sotto carico (HDT, ISO 75) delle materie plastiche. Nei sistemi tradizionali le prove di riscaldamento dei campioni vengono condotte con olio siliconico. Tuttavia, a causa del loro punto di infiammabilità, il test può essere eseguito a temperature non superiori a 300°C circa. Il nuovo tester AlOxide® prevede invece una temperatura in ingresso controllata grazie a un letto fluido di ossido di alluminio in polvere, con grana da 20 a 60 µm, ad elevata conduttività termica e riscaldato da un flusso di aria bollente. Ciò consente di effettuare misurazioni di altissima precisione e ripetibilità anche sulle termoplastiche resistenti alle alte temperature come i polimeri liquidi cristallini (LCP), i polieterimidi (PEI) o i polietere etere chetoni (PEEK). Le verifiche circolari condotte a livello internazionale hanno evidenziato la qualità dei risultati dimostrando l’idoneità del nuovo metodo per i sistemi di assicurazione di qualità dei prodotti industriali, oltre che per la ricerca e lo sviluppo. Nel prossimo futuro la nuova tecnologia sarà presumibilmente integrata negli standard di prova applicabili.
Inoltre, il tester per prove termiche CEAST AlOxide offre numerosi altri vantaggi. Innanzitutto, il fatto di non utilizzare un mezzo di trasmissione del calore infiammabile aumenta notevolmente la sicurezza dell’operatore. L’ossido di alluminio in polvere del tester permette altresì tempi di ciclo più brevi rispetto ai bagni d’olio tradizionali, in quanto il letto fluido si raffredda più rapidamente. Dopo il test, i campioni non presentano residui oleosi. Senza contare che le particelle che aderiscono alla superficie possono essere rimosse facilmente e il test non presenta il rischio di contaminazione di mani, abiti e strumenti di laboratorio. Analogamente, si evitano i vapori nocivi connessi all’evaporazione dell’olio. Poiché le particelle di ossido di alluminio non si degradano, i test possono essere eseguiti senza intervalli per il cambio dell’olio, con un conseguente risparmio sui costi di rifornimento, stoccaggio e manodopera.
Il sistema AlOxide consente di testare contemporaneamente tre campioni in tre postazioni di prova autonome, e di eseguire i test HDT e Vicat a 500°C in parallelo. Un sistema pneumatico abbassa automaticamente tutte e tre le postazioni di prova all’inizio del test e le rialza a fine test, mentre un altro sistema applica e rimuove i carichi utilizzati per il test. Nel corso della prova, il coperchio protettivo rimane chiuso fino a che la temperatura del bagno non scende sotto la soglia preimpostata. L’intervento manuale di un operatore non è necessario. Il sistema può funzionare in modo autonomo, o essere comandato da un microprocessore o un touchpad. Il tester AlOxide può anche essere collegato direttamente a un PC con software Instron® VisualTHERM per la gestione dei parametri, il controllo di processo e la memorizzazione e la valutazione dei dati. Il software riporta i risultati dei test nei relativi standard internazionali specifici per i test termo-meccanici HDT e Vicat, sia sotto forma numerica che grafica.

Fairchild Semiconductor nomina RS Components Distributore Globale

RS Components, marchio commerciale di Electrocomponents plc, numero uno nella distribuzione via catalogo e web di prodotti di elettronica e manutenzione, ha siglato un accordo di distribuzione con Fairchild Semiconductor, uno dei principali produttori mondiali di semiconduttori di potenza e per dispositivi mobili ad alte prestazioni, in base al quale RS potrà distribuire l’intero catalogo di prodotti Fairchild in tutto il mondo.
Il nuovo accordo amplia la collaborazione di lunga data già esistente tra le due aziende, consentendo ai clienti RS di accedere immediatamente a quasi 2.000 prodotti Fairchild disponibili a magazzino, in pronta consegna in qualunque parte del mondo. Tra questi vi sono numerosi semiconduttori discreti e circuiti integrati per la gestione della potenza, circuiti logici standard, interfacce e altri componenti per l’illuminazione a LED e altre applicazioni. L’accordo permette a RS di espandere ulteriormente l’offerta di soluzioni Fairchild affinché i clienti possano sempre accedere alle ultime novità nell’ambito della componentistica elettronica, non appena queste vengono immesse sul mercato.
“Una catena di approvvigionamento solida e sicura permette ai progettisti di accedere tempestivamente alle più recenti soluzioni offerte da Fairchild. Questo è un elemento chiave della nostra strategia globale,” afferma Colin Craig, Senior Director European Sales Application & Operations alla Fairchild. “Fairchild vede in RS un partner affidabile, in grado di raggiungere i progettisti elettronici di tutto il mondo e di andare a soddisfare ogni loro esigenza per quanto riguarda i semiconduttori. I clienti Fairchild possono sfruttare un ulteriore vantaggio: accedere a tutti i servizi e agli strumenti di supporto offerti da RS, tra cui le risorse e i tool di progettazione gratuiti e facili da usare disponibili su DesignSpark.com.”
Jon Boxall, Global Head of Semiconductors di RS Components, aggiunge, “I progettisti che frequentano la nostra community online ci ricordano continuamente come la mancanza di tempo sia oggi uno dei più grandi ostacoli da superare nella corsa all’introduzione di nuovi prodotti sul mercato. Stringendo rapporti di collaborazione sempre più stretti con i principali produttori mondiali di semiconduttori, come avvenuto con Fairchild, riusciamo a semplificare la vita ai nostri clienti, dandogli la possibilità di ricevere rapidamente i componenti di cui hanno bisogno, ma anche di accedere immediatamente ai nostri tool di progettazione online affiancati da una vasta libreria di dispositivi, che comprende anche i modelli 3D.”
Per informazioni: rswww.it

Idee di progetto: Divisore per 50


A volte può essere molto utile disporre di un segnale TTL da 1 Hz. Se esso è prelevato dalla corrente casalinga, che è di 50 Hz, occorre ovviamente dividere la frequenza per un fattore pari a 50. A questo provvede l’integrato 7456, a basso costo e con contenitore DIL con piedinatura 4+4. Il segnale in ingresso (a 50 Hz), che deve essere opportunamente abbassato e squadrato per la piena compatibilità TTL, entra nel piedino CLKA, ad alta impedenza. Reso disponibile sul piedino QA, subisce una prima divisione per 10 ed entra nel secondo ingresso, rappresentato dal piedino CLKB per una ulteriore divisione per 5. Il segnale da 1 Hz è disponibile al piedino QC.

divisore

Idee di progetto a cura della redazione, pubblicato su Fare Elettronica n.259 gennaio 2007–  www.farelettronica.it   © Riproduzione vietata, tutti i diritti riservati.

Categorie: Idee Tag:,

Molex presenta i nuovi moduli per l’impiego in ambienti gravosi SST CLXT progettati per applicazioni di controllo e comunicazione con i PLC Rockwell ControlLogix XT


MX1768 - XT SST ModulesMolex Incorporated ha annunciato l’ampliamento della sua gamma di Moduli di comunicazione SST con la presentazione dei suoi nuovi moduli CLXT, progettati per l’impiego con i PLC Rockwell ControlLogix XT in ambienti industriali gravosi e corrosivi.
“I nostri nuovi moduli CLXT integrano la gamma esistente, grazie alle loro caratteristiche di design robusto che garantisce il maggiore livello di protezione richiesto per resistere in ambienti gravosi ed estremi,” ha dichiarato George Kairys, product manager, Molex. “Completamente integrati nell’Architettura “Rockwell integrated”, i nostri Moduli di comunicazione SST offrono agli utilizzatori industriali una soluzione ideale per le loro necessità di rete.”
Kairys ha aggiunto: “La nostra intera gamma SST è stata sviluppata per offrire soluzioni di connettività più integrate, flessibili e più facili da utilizzare in modo da fornire l’interoperabilità affidabile dei protocolli delle reti di automazione industriali. I prodotti consentono la trasmissione ottimizzata di dati per il controllo ad alta velocità e altre applicazioni critiche.”
Progettati per resistere alle condizioni ambientali più severe, i nuovi moduli CLXT per Rockwell ControlLogix sono disponibili in tre versioni: il modulo SST-ESR2-CLXT per le connessioni Ethernet e seriali, il modulo di comunicazione seriale SST-ER4-CLXT con quattro porte seriali Modbus e il SST-PB3-CLXT-RLL per le applicazioni Master/Slave Profibus. Tutte le versioni sono adatte per ampie gamme di temperatura, schede con rivestimento conforme e componenti per impieghi gravosi.
I nuovi moduli sono realizzati per l’utilizzo in modo affidabile in impianti petroliferi e gas, impianti di estrazione petrolifera, impianti per il trattamento di rifiuti, laminatoi, impianti di produzione auto e altri impianti industriali in cui la presenza di sostanze caustiche o corrosive può minacciare l’integrità e le prestazioni dei componenti elettronici sensibili.
Per informazioni; www.molex.com/link/sstcommunicationmodules.htm

Idee di progetto: Simulatore sirena


Un doppio oscillatore formato da due operazionali consente di realizzare con facilità una sirena modulata. Le due frequenze sono regolabili mediante i potenziometri posti su entrambe gli operazionali. Il segnale di uscita viene amplificato dal transistor BD675 il quale pilota l’altoparlante. Il circuito viene alimentato a 12V.

sirena

Idee di progetto a cura della redazione, pubblicato su Fare Elettronica n.259 gennaio 2007–  www.farelettronica.it   © Riproduzione vietata, tutti i diritti riservati.

Categorie: Idee Tag:, ,

Mouser Electronics tiene ora a magazzino i prodotti di Axiomtek, membro della Intel Intelligent Systems Alliance


Mouser Electronics, Inc. ha siglato un accordo con Axiomtek per la fornitura della vasta gamma di computer a scheda singola, schede madri per uso industriale e sistemi embedded dell’azienda. Importante membro della Intel Intelligent Systems Alliance (ISA), Axiomtek fornisce soluzioni intelligenti ai progettisti di sistemi embedded in tutto il mondo. Axiomtek offre una famiglia di prodotti e piattaforme di elaborazione embedded affidabili e flessibili e si dedica alla produzione di soluzioni allo stato dell’arte per la sua ampia base di clienti del settore industriale.
“Mouser è lieta di annunciare l’offerta di un ampio portfolio di prodotti innovativi per l’elaborazione industriale ed embedded di Axiomtek”, ha dichiarato Russell Rasor, vice presidente, Supplier Management di Mouser. “L’accordo di Mouser con Axiomtek ci consente di offrire ai progettisti di tutto il mondo soluzioni di elaborazione industriali ed embedded avanzate”.
Matthew Lee, vice presidente esecutivo di Axiomtek, ha dichiarato: “Il nuovo accordo di distribuzione con Mouser Electronics consolida il nostro impegno di continuare ad offrire prodotti innovativi e di alta qualità in grado di soddisfare le più diverse esigenze di elaborazione industriale. Mouser è uno dei distributori di prodotti embedded e componenti elettronici su catalogo cartaceo e online in più rapida crescita a livello globale. Orientata ai progettisti e ai buyer che necessitano di prodotti per l’elaborazione industriale intelligenti e affidabili, la partnership tra Axiomtek e Mouser testimonia ancora una volta la nostra tradizione e l’impegno a supportare questi importanti gruppi di clienti e la loro ricerca di soluzioni innovative, scalabili e facili da integrare”.
Mouser offre un’ampia scelta di soluzioni Axiomtek, come ad esempio le schede madri industriali MANO in formato Mini ITX dotate di socket e le schede madri embedded Pico ITX in formato carta di credito utilizzate nelle applicazioni embedded con limiti di spazio. Le linee di prodotti CAPA110/111, CAPA801 e CAPA830/831 forniscono soluzioni embedded con processori integrati e grafica embedded. Molti prodotti Axiomtek ruotano attorno ai processori Intel, anch’essi offerti da Mouser. Le linee di prodotti IMB208/7/4 sono schede madri industriali ATX, mentre le serie eBOX, IPC912, IPC914 e IPC922 sono computer industriali senza ventola. I prodotti Axiomtek sono destinati a mercati quali giochi, trasporti, alimentazione, POS, chioschi, sicurezza di rete, sistemi medicali, segnaletica digitale e applicazioni “green”.
Per informazioni: www.mouser.com/axiomtek

Pillole di Elettronica del 23 gennaio 2014


Nuova serie di telecamere programmabili dall’utente

Icon_rightImage S, azienda leader nel mercato italiano come fornitore di componenti per Image Processing destinati a diversi mercati (industriale, medicale e scientifico), presenta le nuove telecamere Icon di Teledyne DALSA, azienda di Teledyne Technologies e leader mondiale nei sistemi di visione. La nuova serie Icon offre sensori ad alta sensibilità di qualità elevata, con risoluzioni da VGA a 1600 pixel in versioni sia a colori sia monocromatiche. Le nuove telecamere offrono agli sviluppatori di sistemi di visione livelli di potenza e flessibilità senza precedenti, per sviluppare applicazioni integrate a bordo macchina con Embedded Sapera Vision SDK, un pacchetto di librerie per acquisizione di immagini, elaborazione, analisi e controllo basato su linguaggi di programmazione tradizionali come C/C++. Il pacchetto Embedded Sapera Vision SDK comprende anche CamExpert (uno strumento collaudato per la configurazione delle telecamere) e una serie di tool che semplificano lo sviluppo, il debug e l’implementazione di applicazioni di visione.
“La serie di telecamere Icon offre agli OEM una piattaforma di elaborazione embedded con prospettive di affidabilità e disponibilità nel tempo, strumenti di sviluppo familiari e la competenza di Teledyne DALSA nella progettazione di telecamere,” afferma Inder Kohli, Product Manager di Teledyne DALSA. “Tutto questo in un sistema compatto, robusto ed efficiente per applicazioni autonome.”

Funzionalità e vantaggi
• Disponibile nei formati da 640×480 a 1600×1200 e nelle versioni monocromatica e a colori.
• Parte integrante del pacchetto Embedded Sapera Vision SDK, Embedded Sapera Processing offre funzionalità base altamente ottimizzate per l’elaborazione di immagini, codici a barre, OCR, blob analysis, strumenti di ricerca e calibrazione per aree e forme geometriche.
• Licenza per l’utilizzo dell’intera suite di Embedded Sapera Processing.
• Progettato per implementazioni standalone e per svolgere le attività necessarie con l’ausilio di una scheda I/O a bordo.
• Comunicazione con dispositivi esterni come PLC, tramite porte Ethernet o RS232.
• Memoria non volatile per registrare le applicazioni dell’utente e per far partire il sistema all’accensione senza l’ausilio di un PC.
• Ingressi e uscite optoisolate per la massima affidabilità di funzionamento.
• Disponibile in versioni con attacco a C e CS.

Vantaggi della piattaforma hardware
Per elaborare e analizzare le immagini con un processo deterministico, la famiglia di telecamere Icon è dotata di un processore DSP ARM Cortex™-A8 e C64x+™ a 1GHz e del sistema operativo real-time Microsoft® Windows CE™. A questo si aggiungono consumi ridotti e ingombro contenuto, che fanno della serie Icon una piattaforma ideale per applicazioni embedded.

Vantaggi della piattaforma software
Gli utenti possono sviluppare applicazioni per la serie di telecamere Icon utilizzando strumenti a loro familiari come Microsoft Visual Studio® per Microsoft Windows CE. La serie di telecamere Icon offre una piattaforma aperta per lo sviluppo di applicazioni embedded con Embedded Sapera Processing o librerie per l’elaborazione di immagini di terze parti.
Per informazioni: www.imagessrl.com

Cree annuncia i risultati finanziari per il secondo trimestre fiscale 2014

Cree, leader di mercato nel settore dell’illuminazione a LED, ha annunciato i risultati finanziari per il secondo trimestre fiscale 2014, conclusosi lo scorso 29 Dicembre 2013.
Il fatturato della società si è attestato su 415,1 milioni di dollari per il secondo trimestre fiscale 2014, che rappresenta circa il 20% in più rispetto ai  346,3 milioni di dollari di fatturato registrati nel secondo trimestre fiscale dello scorso anno e un 6% in più rispetto al primo trimestre fiscale del 2014.
L’utile netto relativo al secondo trimestre fiscale 2014 è stato pari a 35,7 milioni di dollari, un aumento del 75% rispetto all’anno precedente.
Chuck Swoboda, Presidente del Consiglio di Amministrazione e CEO di Cree, ha affermato: “Nel secondo trimestre fiscale 2014 i ricavi sono aumentati alla cifra record di circa 415 milioni di dollari, grazie alla forte crescita del mercato degli apparecchi e delle lampade a LED. Per la prima metà dell’anno fiscale 2014, il fatturato è in crescita del 22% rispetto al primo semestre dell’anno fiscale 2013 e l’utile operativo è aumentato del 38%. La nostra strategia sta funzionando, il business è in crescita e abbiamo fatto grandi progressi nella costruzione del marchio Cree a livello globale”.
Per informazioni: www.cree.com

AVX aggiunge nuovi valori di capacitanza e rating di tensione alla propria gamma di C0G (NP0) MLCCS

AVX - AVV781 NP0 MLCCAVX Corporation, produttore leader di avanzati componenti passivi e soluzioni di interconnessione, ha ampliato la propria gamma di condensatori ceramici multistrato dielettrici (MLCC) C0G (NP0).  Disponibili in custodie di dimensioni da 01005 a 2225, tensioni fino a 500 V e tolleranze delle capacitanze basse fino a ±0,1 pF, i modelli MLCC C0G (NP0) di AVX costituiscono uno tra i condensatori dielettrici più stabili oggi disponibili sul mercato, ciò che li rende ideali per le applicazioni dei circuiti risonanti che richiedono stabilità maggiore e un preciso coefficiente della temperatura, come, tra gli altri: i circuiti di adattamento, i devices palmari, i GPS. La nuova gamma dei valori va da  3,3 nF per le dimensioni 0603 a 10 nF per le dimensioni 0805. In aggiunta, un nuovo prodotto da 200 V e fino a 100 pF è ora anche disponibile in dimensioni 0603.
Quale più diffusa formazione dei materiali ceramici a compensazione della temperatura, EIA Class I, le moderne formulazioni C0G (NP0) mostrano le attenuazioni più basse e le caratteristiche di maggiore stabilità della tensione e della temperatura di ogni categoria di applicazione rispetto a qualsiasi condensatore ceramico. Inoltre, le formulazioni C0G (NP0) non mostrano alcuna caratteristica di invecchiamento.
“L’espansione della nostra gamma di MLCC C0G (NP0), per includervi una più numerosa gamma di dimensioni di custodia, di rating delle tensioni e di rating delle capacitanze, amplia notevolmente il numero delle applicazioni che possono avvantaggiarsi delle maggiori caratteristiche di stabilità, attenuazione e temperatura fornire dal dielettrico,” ha detto Mark Obuszewski, business manager di AVX.
Le temperature di funzionamento dei condensatori MLCC C0G/NP0 di AVX vanno da -55 °C a +125 °C, mentre il cambiamento di capacitanza con la temperatura è 0 ±30 ppm/°C, cioè inferiore a ±0,3% ΔC. Lo scostamento della capacitanza dei modelli MLCC C0G (NP0) è trascurabile: inferiore a ±0,1%, o inferiore a un quinto di quello mostrato dalla maggior parte dei dielettrici.
Le terminazioni disponibili per la gamma di recente ampliata dei modelli MLCC C0G (NP0) includono: placcatura in nichel/stagno (Ni/Sn), placcatura in oro (Au) e, su richiesta allo stabilimento per determinati numeri di parte, placcatura in palladio/argento (Pd/Ag). Ulteriori opzioni circa le tolleranze e i valori di capacitanza non specificati possono inoltre rese disponibili su richiesta, con lead time specifico da otto a dieci settimane.
Per informazioni: www.avx.com

Controller DC/DC multifase step-down sincrono in current mode con rilevamento della corrente DCR nell’ordine dei milliohm

3875Linear Technology Corporation presenta l’LTC3875, un controller a due uscite DC/DC step-down sincrono in current mode che supporta l’uso di induttori di potenza DC a bassissima resistenza dotati di un’innovativa architettura di rilevamento DCR in grado di ottimizzare il rapporto SNR (Signal-to-Noise Ratio) del segnale di rilevamento della corrente. La resistenza dell’induttore di potenza a soli 0,2 milliohm può essere utilizzata senza una resistenza di rilevamento per ottimizzare l’efficienza del convertitore e aumentare la densità di potenza. Questa nuova tecnica di rilevamento DCR riduce significativamente il jitter di commutazione normalmente associato alle applicazioni a bassa resistenza DCR.
L’LTC3875 funziona su un range di tensione di ingresso da 4,5V a 38V e produce una tensione di uscita fissa da 0,6V a 3,5V con una precisione di +/-0,5% da -40°C a 125°C. I due amplificatori differenziali forniscono il rilevamento remoto della tensione in uscita. È possibile collegare in parallelo e sincronizzare in modo sfasato fino a 12 fasi, così da ridurre il filtraggio in ingresso e in uscita. Quando entrambe le uscite sono collegate in parallelo, l’LTC3875 mantiene un disallineamento di corrente di ±5% tra le fasi, ed è quindi ideale per requisiti di corrente molto elevati, fino a 360A. I limiti precisi di rilevamento programmabile della corrente e la compensazione della temperatura della resistenza limitano con precisione lacorrente di uscita massima rispetto alla temperatura. Le applicazioni includono i sistemi di distribuzione ad alta corrente, gli alimentatori ridondanti (n+1), i sistemi industriali, i processori e gli alimentatori ASIC.
L’LTC3875 ha una frequenza operativa fissa selezionabile da 250kHz a 720kHz oppure può essere sincronizzato su un clock esterno. Tutti i potenti driver di gate a canale N da 1,1 Ohm onboard riducono al minimo le perdite di commutazione dei MOSFET. Al fine di ridurre al minimo la perdita di potenza, è possibile configurare il limite di corrente per tensioni di rilevamento molto basse da 10mV a 30mV. Il secondo canale offre un circuito per la rapida risposta ai transienti che migliora lo step-up del carico fino al 30% . Altre funzionalità sono il soft-start o la tracciaturaregolabili, il limite della corrente di foldback, il ripristino dai cortocircuiti, la protezione contro la sovratensione delle uscite e il monitoraggio power good della tensione di uscita.
Per informazioni:  www.linear.com/product/LTC3875

Idee di progetto: Trasmissione in radiofrequenza su 433MHz


Sono necessari solamente pochi componenti per trasmettere codici i radiofrequenza sulla banda 433,92MHz. In figura lo schema applicativo di un modulo ibrido con risonatore SAW ed antenna esterna. I valori dei componenti dipendono dalla frequenza di lavoro.

trasmetradiofrequenza

Notepad a cura della redazionepubblicato su Fare Elettronica n.246 dicembre 2005 –  www.farelettronica.it   © Riproduzione vietata, tutti i diritti riservati.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.179 follower